La nutrigenomica e l’olio extravergine di oliva sono un’arma naturale per difenderci da tumori e altre malattie

La ricerca ha dimostrato l’importanza dell’olio extravergine di oliva (OEVO) a favore della nostra salute.

La nutrigenomica è una scienza abbastanza recente, molto complessa, che studia l’interazione tra cibo e genetica, aprendo nuovi orizzonti in medicina. Nel DNA esistono alcuni geni chiamati oncogeni che normalmente sono inattivati, cioè non funzionano grazie all’azione di altri geni. Nelle cellule tumorali invece, gli oncogeni si attivano e causano la proliferazione cellulare incontrollata. L’insorgenza dei tumori può essere influenzata sia da sostanze endogene (dell’organismo come gli ormoni) sia da sostanze esogene (sostanze chimiche, alimenti).

L’alimentazione quindi può giocare un ruolo di rilievo nei tumori: sia nel favorirli (troppe calorie e grassi, alcol), sia nel contrastarli (antiossidanti, vitamine).

I grassi alimentari di origine animale sono ricchi di acidi saturi grassi e polinsaturi della serie Ω6 mentre i grassi vegetali contengono acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi della serie Ω3. I grassi vegetali hanno un effetto protettivo nei confronti dei tumori, come dimostrato nelle popolazioni delle are mediterranee dove l’incidenza del tumore alla mammella e del colon è minore rispetto al nord Europa in seguito all’uso di olio di oliva.

L’OEVO contiene molte sostanze che agiscono su geni e meccanismi biologici che aiutano a difenderci da molte malattie. Uno studio tutto italiano pubblicato nel 2016 sull’International Union of Biochemistry and Molecular Biology Journal, spiega come l’OEVO sia un alimento tipico della dieta mediterranea che apporta benefici al DNA, in particolare, agendo su geni coinvolti in malattie correlate all’età e allo stile di vita come i tumori, le malattie cardiovascolari e neurodegenerative. 

Numerosi studi scientifici vengono svolti per identificare gli effetti di alcuni componenti dell’olio di oliva (come gli antiossidanti) sul DNA di pazienti e soggetti sani. I polifenoli contenuti nell’OEVO agiscono su alcuni geni deputati allo svolgimento di funzioni che difendono l’organismo da processi infiammatori prevenendo aterosclerosi, malattie neurodegenerative (Alzheimer) e tumori.

Lo studio pubblicato da Menedez (BMC Cancer) ha testato diversi componenti dell’olio (soprattutto polifenoli) su cellule cancerogene di tumore alla mammella. I risultati hanno dimostrato che i polifenoli bloccavano l’azione del gene HER2 che stimola la proliferazione delle cellule tumorali. Gli studi scientifici “in vitro” (eseguiti sulle cellule) hanno bisogno di ulteriori validazioni ma ci rivelano scoperte e nuove informazioni sull’azione di molecole e sostanze.

Uno studio pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry dimostra che l’OEVO aumenta l’azione del gene oncosoppressore CNR1 (inattivatore di oncogeni) diminuendo il rischio di sviluppare tumori al colon-retto. Questo gene diminuisce l’insorgenza di mutazioni di geni sensibili ai fattori ambientali, come la dieta.

L’OEVO diminuisce importanti fattori di rischio delle malattie cardiovascolari poiché contiene antiossidanti come vitamine B, E e carotenoidi, che proteggono le cellule e le pareti dei vasi. L’OEVO mantiene livelli bassi di colesterolo, trigliceridi, tiene sotto controllo la pressione arteriosa ed è indicato nel diabete poiché diminuisce i picchi di glicemia post-prandiale.

Il WCRF (World Cancer Research Fund International) riconosce la capacità della vitamina E e polifenoli (contenuti nell’OEVO) di ridurre il danneggiamento del DNA, diminuire la crescita delle cellule tumorali e aumentare l’autodistruzione delle cellule cancerogene negli studi in vitro.

Anche se è forse ancora presto per tradurre i risultati degli studi in consigli nutrizionali, le scoperte forniscono nuove prospettive sui meccanismi attraverso i quali l’olio extravergine d’oliva potrebbe contribuire a ridurre il rischio di tumori.

Infine, due raccomandazioni: consumiamo quotidianamente l’olio extravergine di oliva, senza esagerare poiché è molto calorico, e scegliamolo di buona/ottima qualità quindi ricco di polifenoli.

 

GLOSSARIO

Grassi polinsaturi della serie Ω6: acido linoleico che si trova nell’olio di girasole.

Grassi polinsaturi della serie Ω3: acido a-linolenico che si trova nel pesce ricco di grassi e negli oli vegetali.

HER2: gene che produce una proteina posizionata sulla membrana delle cellule che ha la funzione di promuovere la crescita cellulare.

CNR1: gene che presenta alterazioni genetiche (mutazioni) nei pazienti con tumore al colon-retto.