MELA SU CENTRIFUGA DI MANDARINO

mela-su-centrifuga-di-mandarino

Difficoltà: Facile

Preparazione: 15 min

Cottura: ND

Dosi per: 4 persone

TIPOLOGIA: dessert

INDICATO PER: diarrea

INGREDIENTI

  • 400 gr Mele verdi
  • 300 gr Mandarini
  • 2 cucchiai Acqua

VALORI ENERGETICI

  • Valore energetico e caratteristiche per 4 persone: kcal 428 – Carboidrati: 107.60g – Proteine 3.90g – Lipidi: 0.32g – Fibra tot: 13.10g
  • Valore energetico e caratteristiche per 1 persona: kcal 107 – Carboidrati: 26.9g – Proteine 0.97g – Lipidi: 0.37g – Fibra tot: 3.27g
  • Ideale come: dessert
  • Indicato in caso di: diarrea

PREPARAZIONE

spremuta-mandarino
mela-a-spicchi

Lavare le mele ed i mandarini. Mettere i mandarini sbucciati in un recipiente aggiungendo due cucchiai d’acqua e frullare. Filtrare con una retina a maglie strette in modo da eliminare le fibre.

Versare l’emulsione di mandarino in un piatto, tagliare a fettine sottili la mela e adagiarla sull’emulsione.
Si consiglia di tagliare all’ultimo momento la mela in modo da non farla diventare nera.
Un piatto fresco, dolce e delicato ed un modo alternativo per mangiare la frutta.

PROPRIETÀ

La diarrea è uno degli effetti collaterali più comuni delle terapie, può avere un grave impatto sulla qualità di vita e se non curata adeguatamente, può portare all’interruzione dei trattamenti. Oltre ai farmaci specifici per il controllo di questo sintomo, è importante abbinare un’alimentazione ad-hoc, finalizzata al ripristino dell’equilibrio idro-elettrolitico alterato dalle eccessive perdite fecali.

È bene, dunque, prediligere alimenti ricchi in sodio e potassio (Es. pesce azzurro, patata, banana). Il mix presente nella ricetta aiuta a ripristinare la perdita causata dalla diarrea, basti pensare che con una porzione se ne assumono 282,5mg!

La mela, inoltre, grazie al suo contenuto di tannini e pectine ha un’azione astringente. I tannini sono sostanze antiossidanti con azione astringente, antimicrobica ed antinfiammatoria; le pectine, invece, sono dei polisaccaridi che si trovano nelle pareti cellulari dei tessuti di origine vegetale. Queste ultime sono utilizzate anche dall’industria per la loro azione gelificante e sono in grado di aumentare la consistenza delle feci.