PASSATINA DI CECI CON BATTUTO DI POMODORI SECCHI

passatina-di-ceci

Difficoltà: Facile

Preparazione: 20 min

Cottura: 40 min

Dosi per: 4 persone

TIPOLOGIA: secondo piatto

INDICATO PER: carenza di ferro

INGREDIENTI

  • 200 g – ceci secchi / Cicerchie BIO
  • 1 foglia di alloro
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 rametti di rosmarino
  • 60 g – olio extra-vergine oliva
  • 4 pomodori secchi
  • 2 bicchieri vino bianco
  • Sale
  • Peperoncino

VALORI ENERGETICI

  • Valore energetico: ca. 242 kcal (a porzione)
  • Caratteristiche: buon contenuto di ferro (4,2 mg a porzione)
  • Ideale come: secondo piatto
  • Indicato in caso di: carenza di ferro (si consiglia di abbinare a questo piatto alimenti ricchi di vitamina C ed evitare il consumo di tè e caffè)

PREPARAZIONE

ceci-in-acqua
maxresdefault

Lavate i ceci con acqua corrente per 2 minuti. Bene! Copriteli di acqua in un contenitore e ponete in frigorifero per almeno 8/12 ore.
Scolateli e passateli nuovamente sotto il getto del rubinetto lavandoli con cura. Utilizzate una casseruola capiente (raddoppieranno di volume) ponetevi i ceci, la metà di olio extra, uno spicchio di aglio intero e gli aromi a piacere.

Accendete il fuoco e fateli tostare un poco avendo cura di rimestarli con un cucchiaio da cucina. Sfumate con un bicchiere di vino bianco.
Lasciate cuocere a fuoco dolce per circa 1 ora e ½ aggiungendo poco per volta acqua a sufficienza per mantenerli coperti di liquido.

frullato-ceci
pomodori-secchi

Al termine della cottura salare, eliminare gli aromi e frullare con parte dell’acqua di cottura, ricavandone una crema liscia e omogenea. Rosolare la metà dell’olio con aglio, peperoncino e rosmarino. Filtrare e profumare la passatina con l’olio aromatizzato.

Battete a coltello i pomodori secchi sino a ottenere una purea. Versare la passatina di ceci su piatti caldi.
Guarnire con il rosmarino, la purea di pomodori secchi e servire.
Il restante bicchiere di vino è per voi!

PROPRIETÀ

EME O NON EME … QUESTO È IL  DILEMMA: il ferro negli alimenti può presentarsi in due forme: eme e non eme.
Il ferro non eme è quello presente, per la quasi totalità, nel mondo vegetale, ed è, rispetto all’eme, meno biodisponibile. Questo però non significa che non possiamo assorbire ferro da alimenti vegetali.
Questa ricetta è un ottimo secondo piatto, molto gustoso, a base di ceci e udite, udite, ha un buon contenuto di ferro.
Per riuscire ad assorbire questo prezioso oligoelemento in maggior quantità bastano dei piccoli accorgimenti:
– Ammollare il legume secco prima della cottura (in modo da limitare il contenuto in acido fitico)
– Consumare all’interno del pasto alimenti contenenti vitamina C, come per esempio agrumi, kiwi, cavoli, peperoni, rucola e lattuga (ne possono aumentare l’assorbimento anche fino a sei volte!)
– Evitare di abbinare la ricetta a caffè, tè, latte e derivati.
É bene usare questi piccoli accorgimenti tutte le volte che si consumano legumi. Abbinare il consumo di alimenti ricchi di vitamina C, ed evitare di consumare caffè, tè, latte e derivati sono consigli utili sia quando si mangiano legumi, sia quando si consumano altri alimenti ricchi in ferro.
Questo è molto importante perché permette di assumere ferro non solo da alimenti di origine animale, ma anche dal mondo vegetale, garantendo così un’alimentazione varia e sana.